Comunicato sulla manifestazione del 14 novembre di Sinistra Critica – Castelli romani

In tant* mercoledì 14 Novembre siamo scesi in piazza a Roma. Precari studenti, insegnanti, insieme a un pezzo di quell’Europa che non si rassegna a vedersi rubare il futuro per il profitto di pochi.
Purtroppo quando c’è chi prova a rivendicare i propri diritti, c’è chi è pronto a reprimere, arrestando ed identificando,riproponendo caroselli di blindati degni dei regimi degli anni 70. L’atteggiamento delle forze dell’ordine ha dimostrato che il regime bancario/tecnico ha paura di coloro che capiscono questo stato di cose ed ha tentato di arginare il nascere di questo movimento europeo questo dalle strade di Madrid a quelle di Roma.

La risposta migliore a quelle cariche è stata data in questi giorni. Diversi istituti sono ormai occupati. Chi vive la scuole e ne conosce i suoi problemi ha deciso di riprendersi come prima cosa la scuola. Una scuola pubblica, di qualità, in grado di ridare centralità ai diritti e non ai profitti dei privati. Per questo sosteremo il prosieguo delle occupazioni, delle autogestioni delle mobilitazioni, per costruire anche qui in Italia, come già nel resto d’Europa, un movimento di massa contro la crisi e contro l’austerità