Ex lavoratori ThyssenKrupp e familiari delle vittime vincono sul fronte giudiziario contro la multinazionale tedesca

QINCIDENTI LAVORO: FIAMME IN ACCIAIERIA, UN MORTO E 9 FERITIuesta settimana è ripreso il processo d’Appello per il rogo nell’acciaieria ThyssenKrupp di Torino del 6 dicembre 2007 in cui persero la vita 7 compagni di lavoro.

Dopo alcune schermaglie procedurali tra avvocati di Parte Civile e la difesa degli imputati sull’ammissione di alcune Parti, la multinazionale tedesca rinuncia formalmente, presentando agli atti un documento del legale rappresentante, a ricorrere in tutti i gradi di giudizio contro gli ex lavoratori costituitisi come Parti Civili nel procedimento: una prima importante vittoria che premia la determinazione e la mobilitazione degli operai e dei familiari durante tutto il corso del processo.

Gli imputati, tutti contumaci, puntano la loro linea difensiva sulla distrazione degli operai. Nulla di più falso: i nostri compagni di lavoro sono morti semmai per la troppa abnegazione che avevano del loro lavoro, nonostante lo stessero perdendo. La fabbrica infatti era in via di chiusura.

Non altrettanto si può dire degli imputati che con la loro condotta, appurata dalle indagini svolte dal pool di Guariniello, hanno scelto consapevolmente di abbandonare a sé stesso lo stabilimento e così tutti coloro che vi lavoravano e non investire più sulla sicurezza degli impianti.

In una giornata funestata dall’ennesima morte sul lavoro (recuperato il cadavere di Francesco Zaccaria, morto ieri all’Ilva di Taranto dopo che una tromba d’aria ha scaraventato in mare la gru dove lavorava) questa è per noi una importante ma parziale vittoria su chi lucra sulla pelle dei lavoratori. E’ solo l’inizio, per noi sarà davvero finita solo quando per gli imputati si apriranno le porte della galera.

Torino, 30 novembre 2012             Ex lavoratori ThyssenKrupp Torino

Annunci