Solidarietà con i lavoratori della Montebovi di Lanuvio (RM)

monteboviFinite le feste si torna alla lotta. Questa mattina, ci siamo ritrovati nuovamente a solidarizzare e a sostenere attivamente la lotta dei lavoratori Montebovi, a Lanuvio, da tre mesi senza stipendio. Siamo arrivati davanti ai cancelli dell’azienda che era ancora buio, a parte una piccola fiamma di un bidone, con cui i lavoratori si stavano scaldando. Il picchetto è già cominciato. Questa non è la prima volta che i lavoratori sono costretti a questo tipo di lotta. L’azienda non intende in nessun modo retrocedere dalle sue decisioni: ferie forzate, oltre venti licenziamenti e deregolamentazione del contratto di lavoro. Il 20 e il 21 ci sono stati incontri sia presso la Prefettura che presso la Regione Lazio. Da questi incontri è emerso un dato certo: il padrone della MIR srl, pensa ai lavoratori come a figurine, da tenersi o scambiare in base alle proprie convenienze. Sembra essere tornati ai primi anni dell’800.

La tensione si è alzata, verso le otto, quando una decina di lavoratori, quelli convinti che assecondando sempre e comunque il padrone si risolvono i problemi, hanno provato ad entrare, facendosi scortare da forze dell’ordine e guardie private messe a disposizione dall’azienda stessa. Tutta la rabbia di chi da tre mesi aspetta i propri soldi e risposte sul proprio futuro si è verbalmente scagliata contro le macchine di quei crumiri.

I picchetti e la lotta proseguiranno, è evidente. Noi saremo al loro fianco, perchè ogni sconfitta o vittoria su un posto di lavoro, puo’ sognificare peggiorare o migliorare il nostro futuro.

GIU’ LE MANI DAI LAVORATORI IN LOTTA DELLA MONTEBOVI

CI TOLGONO IL LAVORO ? OPS, NOI CE LO RIPRENDIAMO!!!!

Annunci