Andrea Martini

Pacchi e cacciaballe come sempre sul lavoro

di Giorgio Cremaschi (dal sito http://www.rete28aprile.it) A ben guardare sulla stampa,  le uniche soddisfazioni visibili per i provvedimenti del governo sul lavoro, a parte che da Letta stesso, vengono da Berlusconi e dai gruppi dirigenti di CGIL CISL UIL.

B è colpevole, ma il vero sdegno è per chi ci governa assieme

B è colpevole, ma il vero sdegno è per chi ci governa assieme

di Sergio Bellavita Non abbiamo mai avuto dubbi sulla colpevolezza di Silvio Berlusconi. Non parliamo delle numerose inchieste e procedimenti che lo vedono imputato per misfatti di ogni genere, dalla corruzione all’induzione alla prostituzione. Non amiamo il tintinnio delle manette o i cori da stadio pro magistratura, peraltro assai vicini alla cultura forcaiola della destra.

Il Brasile di fronte ai futuri grandi eventi sportivi

di Elaine Tavares* L’intervento del giornalista messicano Maurìcio Mejìa in occasione della nona edizione delle Giornate bolivariane ha messo in rilievo quello che lo sport sta diventando, non soltanto in Brasile, ma in quasi tutti i paesi del mondo, e soprattutto nei cosiddetti paesi sottosviluppati: un commercio, uno spettacolo, una merce.

Brasile, la fine di un letargo

Brasile, la fine di un letargo

Un milione nelle strade del Brasile per protestare contro le politiche del governo; duri scontri in alcune città che hanno già provocato la morte di un manifestante; la presidente del Brasile, Dilma Roussef, costretta ad annullare il suo viaggio in Giappone e a convocare un consiglio straordinario dei ministri. E’ questo il quadro di un […]

PSoL del Brasile: “La rivolta popolare è legittima!”

PSoL del Brasile: “La rivolta popolare è legittima!”

Nota del PSoL – Partido Socialismo e Liberdade (Brasile) La rivolta popolare è legittima! Abbasso la repressione! dal sito del PSoL Il PSoL (Partido Socialismo e Liberdade) manifesta iol suo totale appoggio alle manifestazioni in corso in tutto il Brasile contro l’aumento delle tariffe dei trasporti collettivi e rifiuta con forza la violenza poliziesca che cerca […]

Brasile, rivolta contro l’austerità. Comunicato del NPA

da http://www.npa2009.org/ Dopo un decennio di relativa pace sociale sotto i vari governi del PT (Partdo dos trabalhadores), il Brasile è oggi attraversato dalla mobilitazione sociale più grande dopo la destituzione dell’allora presidente Collor nel 1992. Il fattore scatenante del movimento che ieri ha portato in piazza oltre 200.000 persone, soprattutto giovani, in tutte le […]

Turchia, cronaca di una rivolta inattesa

Turchia, cronaca di una rivolta inattesa

Mentre scriviamo continuano gli scontri in Turchia tra manifestanti e polizia; i sindacati sono stati spinti a proclamare una giornata di protesta contro le violenze inaudite messe in atto dalle forze repressive. Il governo ha subito dichiarato illegale questo sciopero. Erdogan ha gestito questa improvvisa e inaspettata mobilitazione di massa alternando continuamente promesse (false) di […]

Bolzaneto, l’Italia è il Paese della tortura

di Checchino Antonini «L’Italia è un Paese in cui si pratica la tortura, ma si fa finta che non sia così», sbotta Lorenzo Guadagnucci uscendo dal Palazzaccio. Da pochi istanti è stata pronuciata la sentenza di Cassazione per i massacri e gli abusi commessi a Bolzaneto nel 2001. La Quinta sezione penale della Cassazione ha […]

A Pomigliano riprende la mobilitazione operaia

di Umberto Oreste A nessuno è andata giù la richiesta della direzione aziendale della Fiat di imporre due sabati lavorativi per il 15 ed il 22 giugno. I lavoratori in produzione, che sottostanno a ritmi impossibili durante l’intera settimana, devono protrarre per ulteriori due giorni la settimana lavorativa; il loro malumore cresce ed i sindacati […]

Regole sindacali e patto sociale, respingiamolo!

Regole sindacali e patto sociale, respingiamolo!

di Andrea Martini Venerdì 31 maggio, le segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil hanno stipulato con Confindustria un patto sulla rappresentanza, sulla rappresentatività e sulla esigibilità da parte padronale degli accordi. Questo patto viola platelamente principi democratici e perfino principi costituzionali.